Food Delivery: nasce un colosso anglo-olandese

L’inglese Just Eat e l’olandese Takeaway si alleano per consolidare le proprie posizioni nel mondo del Food Delivery e rispondere alle mosse di Deliveroo e Uber Eats.

Takeaway ha offerto 5 miliardi di sterline per acquisire la rivale Just Eat.

L’operazione è interamente azionaria e rappresenta un premio del 15% rispetto all’ultima quotazione in Borsa di Just Eat di venerdì scorso.

La mossa di Takeaway rientra nei piani di espansione del gruppo, che a dicembre ha deciso di rilevare la tedesca Hero.

Le indiscrezioni erano già uscite nel fine settimana e sono state confermate lunedì mattina dalla società con base ad Amsterdam, che resterebbe lì di sede mentre penserebbe ad una quotazione londinese.

L’operazione permetterebbe a Takeaway di mettere nel portafoglio un brand che probabilmente è più riconosciuto a livello globale.

Just Eat ha il fiato corto sul mercato UK, dove ha dovuto condividere il mercato di riferimento con Uber Eats e Deliveroo.

La nuova società avrebbe un valore di circa 9 miliardi di sterline.

Nella nuova società, i soci di Just Eat risulterebbero poco sopra il 52% e quelli di Takeaway poco sotto il 48%.

Il Food Delivery in Italia: i numeri

In un solo anno, il giro d’affari del Food Delivery è aumentato del 56%.

Secondo i dati dell’Osservatorio eCommerce B2c del Politecnico di Milano e di Netcomm, il fatturato a fine anno delle consegne a domicilio di prodotti alimentari sarà pari a 566 milioni€, tali da renderlo il primo comparto del mercato online.

Il Food Delivery è presente nel 93% delle città italiane che contano oltre 50.000 abitanti, il 19% in più rispetto al 74% registrato nel 2017.

E oggi quasi la metà degli italiani ha la possibilità di ordinare online, ossia il 14% in più rispetto al 33% registrato nel 2017.

Lo sviluppo del servizio ha quindi reso fruibile in una larga parte d’Italia i servizi delle principali società specializzate, anche lontano delle piazze come Milano, che resta la città italiana dove c’è più richiesta di cibo da farsi consegnare direttamente a casa, davanti a Roma e a Torino.

Ancor più in là si era spinta Fipe, la Federazione italiana dei pubblici esercizi, secondo il cui presidente, Lino Stoppani, gli introiti potrebbero moltiplicarsi, arrivando a “un volume di circa 2,5 miliardi€”.

In attesa di osservare gli sviluppi del fenomeno, i piatti più ordinati tramite rider sono nell’ordine: pizza, gelato, hamburger, ramen e wok.

E secondo un’analisi della piattaforma per la gestione della visibilità online Semrush sulla consegna di cibo a domicilio, la domanda “la cena a casa” supera in Italia di quattro volte le ricerche su Google “cena al ristorante”.

Lo studio di mercato, realizzato sulle app di settore più usate, premia in particolare l’applicazione Just Eat, che con una media di 555.000 ricerche mensili, risulta essere nella penisola l’applicazione più cercata tra i servizi di consegna seguita da Deliveroo.

(Visited 24 times, 1 visits today)

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *